pinterest twitter facebook YouTube Follow us on YouTube close menu-button reveal email Reading time twitter fat-arrow-down Google + Globe icon facebook icon

Ehm, quindi, forse sceglierei la pillola anticoncezionale

Tempo di lettura: 3 minuti Tempo di lettura
pillola anticoncezionale

Non dimenticherò mai il giorno in cui sono andata dal ginecologo per parlare di metodi contraccettivi. Rimasi spiazzata perchè il dottore che mi trovai di fronte era uomo, un tipo che avrebbe potuto essere mio padre. Mi sarei nascosta dietro le pareti quando mi ha chiesto il motivo della mia visita.

Parlare di sesso e contraccezione con una persona che non si conosce non è affatto facile. Ma il trucco è pensare che I medici lo hanno fatto decine e decine di volte prima di quel giorno. È il loro lavoro, e quindi totalmente normale. Anche se a te, in realtà, potrà sembrare la cosa più difficile da fare.

Il mio consiglio, prima di entrare nello studio del ginecologo, è questo: fissati un obiettivo e cerca di capire che cosa devi ottenere dal colloquio. Allora mi sono chiesta: perchè voglio usare un metodo contraccettivo? È perchè voglio vivere serenamente il sesso senza preoccuparmi di eventuali gravidanze o la ragione è più medica, legata ai dolori del ciclo, alla sindrome premestruale o a problemi della mia pelle?

Per Annabel, 23 anni, che voleva ridurre il numero di cicli annuali:
“Stavo per affrontare un viaggio di 6 mesi e volevo essere libera dal ciclo il più possibile. Abbiamo discusso le diverse opzioni, incluso l’impianto, che alla fine è quello che ho scelto. L’ho inserito 12 mesi prima della partenza per capire se lo potevo tollerare bene”.

Ci sono diversi tipi di contraccezione, dovresti scegliere quello che funziona meglio per le tue esigenze. Parlane con le amiche, ma per conoscere eventuali effetti collaterali o se vuoi provare metodi non ormonali, devi chiedere al ginecologo le opzioni possibili.

Lily, 25 anni, era alla ricerca di un metodo contraccettivo. Alcune sue amiche usavano già la spirale anticoncezionale e lei ne voleva sapere di più. “Il ginecologo mi ha rassicurato spiegandomi come funziona la spirale. Ho chiesto anche quando e come avrei potuto rimuoverla. Sono uscita pensando di aver fatto la scelta migliore per me”.

I miei consigli per fare al ginecologo tutte le domande del caso:
– non sentirti in imbarazzo. Questo è un tipo di conversazione a cui i ginecologi sono molto abituati.
– Cerca un medico con cui ti senti a tuo agio, una donna se preferisci.
– Cerca di arrivare con un’idea: che cosa cerchi da un metodo contraccettivo? C’è qualcosa di cui vorresti discutere?
– Non prendere una decisione affrettata. Se anche dopo avere parlato con il dottore sei indecisa, prenditi il tempo che serve e, piuttosto, chiedi un altro appuntamento.
– Devi conoscere il metodo contraccettivo perfettamente. Accertati di avere tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Parlare apertamente di contraccezione ti farà sentire di avere il controllo della situazione. Siamo così fortunate ad avere così tante opzioni e dobbiamo essere felici, e non imbarazzate, dei nostri meravigliosi corpi.
Avrei voluto che qualcuno me lo avesse ricordato prima di trovarmi all’appuntamento con quel ginecologo che assomigliava a mio padre…